Torna all'archivio
 

Mercoledì, 16 dicembre, ore 19.00
Accademia di Romania, Biblioteca

 

 

Concettualizzare il Diavolo:
la dinamica del campo religioso

 

 

Dr. Mircea Pãduraru

 

Mercoledì, 16 dicembre, ore 19.00
Accademia di Romania, Biblioteca

 

Dr. Mircea Paduraru - borsista “Vasile Parvan” dell’Accademia di Romania, è docente titolare del corso di Etnologia presso l’Università «Alexandru Ioan Cuza » di Iasi, Facoltà di Lettere, Dipartimento di Studi romeni, Giornalismo e Letteratura comparata. È autore del libro Reprezentarea Diavolului in imaginarul literar romanesc (La rappresentazione del Diavolo nello spazio letterario romeno), uscito nel 2012, e di numerosi saggi di demonologia, etnologia e letteratura romena.

Conferenza in lingua romena.

La conferenza prende spunto da una costatazione fatta in campo: dietro al lessema “Diavolo” si nasconde una sconcertante varietà di sensi. Di fronte a questa situazione, ci si domanda: che forze, quali istanze e fattori determinanti convergono nella costruzione del concetto personale di Diavolo? La posizione che sarà sviluppata si potrebbe così riassumere: il concetto personale di Diavolo è sempre espressione di una sintesi pragmatica, profondamente contestuale, delle influenze più varie venute dai principali “attori” del campo religioso tradizionale (sacerdote, profeta, stregone) e di una pluralità di fattori obiettivi.

 

Lunedì, 14 dicembre, ore 18.00
Accademia di Romania, Biblioteca

Le relazioni tra la scuola sociologica di Dimitrie Gusti e la sociologia italiana. 1933-1950

Relatiile dintre scoala sociologica a lui Dimitrie Gusti si sociologia italiana. 1930-1950.

 

Nonostante gli intensi scambi professionali internazionali e l’ampia apertura culturale della Romania e dell’Italia interbellica, un’esauriente sintesi delle relazioni tra la sociologia romena e quella italiana manca tuttora. Perciò tale saggio si propone di ricostruire e di approfondire i legami della Scuola Sociologica di Bucarest e del corpo docente guidato dal sociologo di fama internazionale Corrado Gini.

Jianu Octaviana
laureata presso la Facoltà di Sociologia, Bucarest, dottoressa di ricerca in Storia contemporanea dell’Europa presso l’Università Tor Vergata nonché, attualmente, borsista Vasile Pârvan presso l’Accademia di Romania. I suoi campi di interesse: il discorso degli intellettuali nei regimi totalitari, la storia del comuniso, l’elite romena interbellica.

 

Domenica, 13 dicembre, ore 21.00
Pontificio Istituto di Musica Sacra, Sala Academia
Piazza Sant'Agostino 20/A, Roma

Concerto di Natale

Ingresso libero

 

Giovedì, 10 dicembre, 2015 ore 18.00
Accademia di Romania, Sala Esposizioni

MOSTRA DI PITTURA

 

 

 


MARIO BAMBAGINI

 

(dal 10 al 16 decembrie 2015)

 

 

Mario Bambagini, vive a Roma da molti anni, ha saputo ben inserirsinel panorama dell'arte contemporanea. Cultore della forma, invitato a numerose rassegne, ha esposto per le più importantigallerie del mondo: New York, Baltimora, Filadelfia, Boston, Washington, ed inoltre a Torino, Campione d’Italia, Londra, Millburn (USA), Pittsburg (USA), Volfsburg, Kiel, La Valletta (Malta), Fiano Romano (Castello), Fermo (Palazzo dei Priori), Vetulonia (Museo archeologico), Budapest, Praga, Grosseto, Firenze, Roma. Le sue opere, di grande impatto, appaiono come eleganti assemblaggidove predomina il colore, steso in campiture iridescenti,e la mancanza di passaggi sfumati spesso le accomunaal collage. A queste tendenze contemporanee si aggiungepoi un influsso classicista, poiché «Bambagini - hascritto il critico Renate Pacekowski - talvolta racchiude lesue opere in una circonferenza». Cioè nella forma assoluta per eccellenza, la simbolica perfezione del divino.
MARIO BAMBAGINI è nato a Grosseto nel 1932 da un’antica famiglia vetuloniese d’origine fiorentina. La sua prima partecipazione ad una mostra collettiva in una galleria “vera” – la galleria Modigliani di Grosseto.
Nel 1967 si trasferisce a Roma, dove, per affinare la propria preparazione tecnico – pittorica, segue un corso di nudo sotto la guida del maestro Diego Pettinelli e corsi di incisione e affresco presso la scuola d’arte S. Giacomo.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 11 al 16 dicembre 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.
Giorni di apertura: dal 11 al 16 dicembre 2015
Orari: 11.00 – 13.00 / 17.00 – 20.00
Ingresso libero.

 

Marti, 8 dicembre, 2015 ore 18.30
Accademia di Romania, Sala Conferenze

 

 

Architetti Rumeni
Creatori di Beni Culturali

1869 – 1989

Mostra di architettura
dal 8 al 18 dicembre 2015

 

L'inaugurazione della mostra:

Martedì, 8 dicembree,
ore 18.30
Sala Conferenze

Accademia di Romania
(Piazza José de San Martin, no. 1)

 


 

Interverrano:

Prof. Mihai Bãrbulescu
Direttore dell'Accademia di Romania in Roma

Prof. Olga Cristina Gociman
Università di Architettura e Urbanistica Ion Mincu, Bucarest

Prof. Nicolae Lascu
Università di Architettura e Urbanistica Ion Mincu, Bucarest

*
A seguire un momento musicale sostenuto dal duo:


Pierluigi Tabachin – flauto traversiere
Cipriana Smarandescu - clavicembalo

Musiche di: Ioan Caianu, Paul Constantinescu, Radu Paladi,
Johann Sebastian Bach, Carl Philip Emanuel Bach, Louis Couperin ,
François Couperin, Michel Blavet, Arcangelo Corelli


 

Mercoledì 2 dicembre, 2015 ore 18.30
Palazzo Brancaccio

In occasione della Festa Nazionale della Romania
L’Ambascaiata di Romania nella Repubblica in Italia
e
Accademia di Romania in Roma

presentano
Il concert sostenuto dal quartetto Sattler


In programma:

Antonin Dvorak - Quartetto d'archi no. 12, Americano
Suita româneascã
Astor Piazzola- La muerte del Angel

Intrarea se face pe baza de invitatie.

 

Venerdì 27 novembre, 2015 ore 18.30
Accademia di Romania, Sala di concerti

Ingresso su invito

 

Martedì 24 novembre, 2015 ore 19.30
Accademia di Romania (Viale delle Belle Arti 110), Sala esposizioni

 

MOSTRA

 


NEO MAPPA ROMA

 

 


dell'Artista

Andrei CIURDARESCU
borsista “Vasile Pârvan” dell'Accademia di Romania in Roma

 

(dal 24 novembre a 2 dicembre 2015)

 

 

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 24 novembre a 2 dicembre 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.

PRENOTAZIONI PER LA VISITA
Andrei Ciurdarescu – tel: 380 135 5433

 

23 -29 novembre 2015
Istituto Goethe, Auditorium, Via Savoia, nr. 15, Roma


 

Mostra del Nuovo Cinema Europeo

23 - 29 novembre 2015

Prima edizione

ISTITUTO GOETHE ROMA
Auditorium

Via Savoia, nr. 5

 

Progetto del cluster EUNIC ROMA

per il programma pdf. clicca qui

Per il catalogo clicca qui

Dopo il successo della rassegna cinematografica “L’Europa che ride” (2014), EUNIC, il partenariato tra Istituti di Cultura, Accademie e Ambasciate Nazionali dell‘Unione europea a Roma, lancia la prima edizione della
MOSTRA DEL NUOVO CINEMA EUROPEO, che si svolgerà a Roma dal 23 al 29 novembre 2015.
La mostra, nata grazie al sostegno di FUIS e Commissione europea, sarà un’occasione straordinaria per far conoscere al pubblico l’energia creativa e la varietà del cinema contemporaneo europeo: 15 Paesi porteranno sul grande schermo altrettanti film, sempre in lingua originale con sottotitoli in italiano.

Una finestra sulla produzione europea degli ultimi anni con film che hanno partecipato ai grandi festival o che hanno avuto riconoscimenti internazionali, film mai presentati prima nelle sale dei cinema di Roma. La programmazione cinematografica si terrà presso l’Auditorium del Goethe-Institut e sarà accompagnata da incontri con registi, attori e sceneggiatori.E il cinema europeo sarà anche al centro di un dibattito organizzato da Biblioteche di Roma presso la sede della Biblioteca Europea.
I Paesi in mostra saranno, in ordine di programmazione, i seguenti: Francia, Svezia, Regno Unito, Spagna, Portogallo, Ungheria, Germania, Slovacchia, Slovenia, Austria, Lituania, Romania, Bulgaria, Polonia e Italia.

 

Venerdì 20 novembre, 2015 ore 18.00
Museo di Roma in Trastevere. Sala 1 – Centro Internazionale d’Arte Contemporanea

Videozoom:Romania


Minoranze Legali/Riti Urbani

 

 

Una panoramica della nuova generazione dei video-artisti a Bucarest

 

 

 

Videozoom:Romania
Minoranze Legali/Riti Urbani

a cura di Marius Tanasescu
Opere di Vlad Basalici, Simion Cernica, Arantxa Etcheverria, Mihai Iepure Gorski, Ion Grigorescu, Mihaela Kavdanska, Adi Matei,
Ciprian Muresan, Anca Munteanu Rimnic, Larisa Sitar & Michele Bressan, Gabriel Stoian


Videozoom è un’iniziativa “in progress” che intende mostrare la video arte contemporanea in diverse realtà territoriali. Il progetto Videozoom:Romania, promosso dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport di Roma - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, sostenuto dall’Accademia di Romania a Roma, dall’Istituto Culturale di Romania, dall’Associazione Italia-Romania a Roma e prodotto dall’Associazione Culturale Sala 1, sarà presentato il 20 Novembre al Museo di Roma in Trastevere e proseguirà fino al 5 Dicembre 2015 negli spazi espositivi di Sala 1 – Centro Internazionale d’Arte Contemporanea.

Per ulteriori informazioni:
Museo di Roma in Trastevere – Piazza S. Egidio 1/b, 00153 – Roma | Presentazione: 20 Novembre 2015 ore 18:00
Sala 1 – Centro Internazionale d’Arte Contemporanea | salauno@salauno.com | www.salauno.com | FB: Sala 1 Centro Internazionale d’Arte Contemporanea

 

25 - 29 Novembre 2015
Mercoledì 25 Novembre ore 19.00 - Accademia di Romania

26-29 Novembre - Casa del Cinema

 

 

Mercoledì 18 novembre, 2015 ore 18.30
Accademia di Romania, Biblioteca

 

Presentazione del volume
biligue di poesie di
Gheorghe Vidican

3D

poesie 2003-2013
poezie 2003-2013

CFR, 2015

*
Presentazione dell ‘Almanacco della poesia italiana

5 – 2015

PUNTO

 

Mercoledì 18novembre, 2015 ore 18:30
Biblioteca
Accademia di Romania
(Piazza José de San Martin, nr. 1)

 

Interveranno:
Annamaria Ferramosca – poeta
Manuel Cohen – critico letterario e poeta
Tatiana Ciobanu – traduttrice
Elena Todiras – traduttrice
Gheorghe Vidican – poeta 

 

Venerdì 13 novembre, 2015 ore 18.00
Accademia di Romania (Viale delle Belle Arti 110),Sala esposizioni

 

 

 

MOSTRA DI CERAMICHE

 

 

"PELLEGRINAGGIO"

 

dell'artista

MARTA JAKOBOVITS

 


dal 13-23 novembre 2015

 

 

 

 

PELLEGRINAGGIO
dell’artista Márta Jakobovits

Presentazione a cura di:
Prof. dr. Mihai Barbulescu – direttore dell’Accademia di Romania in Roma
Daniela Crasnaru – direttore dei programmi culturali dell’Accademia di Romania in Roma
Dr. Nagy Mihály Zoltán – vicepresidente dell’Istituto Culturale Romeno (Bucarest,Romania)
Márta Jakobovits – artista
Prof.univ.dr. Ileana Pintilie – curatrice
Conf. Univ. dr. Gabriela Diana Bohnstedt Gavrilas – assistente curatrice


La ceramista Márta Jakobovits presenta nell’ambito della mostra „PELLEGRINAGGIO” le sue opere d’arte in ceramica e terracotta. Si tratta di diciassette titoli intrecciati, contenenti 170 oggetti artistici in ceramica realizzati con tecniche differenti. Ci si ritrovano oggetti unici in ceramica, installazioni di oggetti eleganti e raffinati in grado di interpretare in modo unico ed esclusivo, combinazioni di oggetti realizzati con oggetti trovati, elementi naturali, pietre etc. al fine di trasmettere il messaggio del pellegrinaggio. Tale messaggio viene concepito come un processo di pensiero materializzato nella creazione, un processo mai finito e che continua… Sono opere realizzate con argille modellate e dipinte a mano e ciascun pezzo è un oggetto unico. Eventuali irregolarità e diverse intensità della smaltatura e dei colori testimoniano l’autentica lavorazione artigianale.
Per la ceramista d’arte Márta Jakobovits è particolarmente significativo che all’interno di questo pellegrinaggio realizzato in ceramica e terracotta alcuni frammenti sono stati già presentati al pubblico in occasioni indipendenti in diversi paesi: Olanda, Germania, Slovacchia, Ungheria e in diverse città della Romania: Oradea, Cluj, Timisoara, Bucarest. Tutte queste opere hanno fatto il loro viaggio creativo per instradarsi poi verso la meta più grande del loro pellegrinaggio: la Città Eterna stessa.

In parallelo con la mostra personale di ceramiche dell'artista Marta Jakobovits, l'Istituto Culturale Ungherese di Bucarest (Romania) organizza la mostra del pittore Miklos Jakobovits presso l’Istituto Balassi e l’Accademia d'Ungheria in Roma (con apertura il 16 novembre 2015, ore 19.00).
Entrambe le mostre saranno inaugurate da Ileana Pintilie.
Ileana Pintilie è critico d'arte e curatore indipendente di mostre. Docente presso la Facoltà di Belle Arti dell'Università dell’Ovest (Timisoara, Romania).
Gabriela-Diana Bohnstedt Gavrilas è docente e direttore del Dipartimento di Arti Visive presso la Facoltà di Belle Arti dell'Università di Oradea (Oradea, Romania).

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni nel periodo 13-23 novembre 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110.
Ingresso libero.

 

25 Ottobre - 8 Novembre 2015
Accademia di Romania

Oratorio del Caravita

ALTRE|RISONANZE 2015

FESTIVAL MUSICALE INTERNAZIONALE
"ALTRERISONANZE - DALL'ANTICO AL MODERNO, TRA IL RUMENO E L'UNIVERSALE"

L'Accademia di Romania in Roma e l'Associazione Aliusmodum
vi invitano alla quarta edizione del
Festival Internazionale AltreRisonanze
che si svolgerà a Roma nell'arco di tre domeniche tra il 25 ottobre e l'8 novembre 2015,
con il sostegno dell'Istituto Culturale Rumeno di Bucarest e la collaborazione di
Continuo Records, Incontri Mediterranei – Orte, Scatola Sonora.

25 OTTOBRE 2015 • ore 20:00
Accademia di Romania • Sala Concerti (P.za José de San Martin 1)

...J.S. BACH...
presentazione del compact disc "Notenbüchlein für Anna Magdalena Bach" di Cipriana Smarandescu
(Continuo Records)

Johann Sebastian Bach
Concerto Brandeburghese n° 5 in Re Maggiore, BWV 1050
Concerto per clavicembalo e archi in fa minore, BWV 1056
Arie “Bist du bei mir” e “Aria di Giovannini” dall'“Album per Anna Magdalena Bach”
Cantata “Ich habe genug” BWV 82 per baritono, oboe e archi

Furio Zanasi • baritono
Cipriana Smarandescu • clavicembalo
Mauro Lopes Ferreira • violino barocco
Pierluigi Tabachin • flauto traversiere
Andrea Mion • oboe barocco
ensemble aliusmodum

*

1 NOVEMBRE 2015 • ore 21:00
Oratorio del Caravita (Via del Caravita 7A)

...LA PIATA...
[ ...alla piazza... ]

Gustav Mahler • Adagietto dalla Quinta Sinfonia
Gustav Mahler • Kindertoten-Lieder su testi di Friedrich Rückert, per baritono ed ensemble da camera
George Enescu • "Cantabile et Presto" per flauto ed ensemble da camera
George Enescu • Rapsodia Rumena n° 2
Mihail Jora • La Piata, Suite dal balletto
(Orchestrazioni Andrea Riderelli, 2015 • prime esecuzioni assolute)
Furio Zanasi • baritono
Pierluigi Tabachin • flauto
ensemble altrerisonanze
Andrea Riderelli • direttore

*

8 NOVEMBRE 2015 • ore 20:00
Accademia di Romania • Sala Esposizioni (Viale delle Belle Arti 110)

...JOC...
[ ...gioco... ]

musiche di G. Diruta, I. Caianu, J.P. Sweelinck, L.Couperin, J.J. Froberger, A. Valente, D. Scarlatti, J.S. Bach, P. Constantinescu, R. Paladi

Cipriana Smarandescu • clavicembalo

[ ...INGRESSO LIBERO... ]
info: www.altrerisonanze.it • www.accadromania.it • 06.320.8024

 

Martedì, 20 ottobre 2015, ore 18
Accademia di Romania. Biblioteca

 

 

 

Simina-Elena Ratiu (Baumgarten)


Letteratura utopica nell’Ottocento italiano


Presentazione dei risultati del progetto di ricerca

Martedì 20 ottobre, 2015
ore 18:00, Biblioteca

Accademia di Romania
(Piazza José de San Martin, nr. 1)

 

 

 

 

Oggetto della ricerca è il rapporto utopia-antiutopia nelle opere letterarie utopiche dell’Ottocento italiano. Questo periodo, infatti, costituisce la cornice di un’impressionante serie di cambiamenti a livello dell’intera psiche culturale europea, con proiezioni ben tracciabili nella letteratura utopica. Lo studio rileva appunto il processo grazie al quale, come nello spazio culturale britannico e francese, le proiezioni letterarie utopiche tendono a coagularsi, a volte in maniera timida e maldestra, in romanzi antiutopici. Il romanzo, che sia utopico o antiutopico, manterrà però sempre un dialogo con la realtà storica. Una delle finalità della ricerca consiste nell’identificare forme e strategie tramite le quali l’inconscio collettivo è manipolato grazie alle opere di finzione.

Simina-Elena Ratiu (Baumgarten) è assistente di ricerca e dottoranda della Facoltà di Lettere di Cluj, titolare della borsa di studio Vasile Pârvan presso l’Accademia di Romania in Roma. E’ membro dell’equipe di ricerca del progetto CNCS “Antiutopias. Making and Unmaking the Reality – Assessing Possible Worlds”, coordinato dal prof. dr. Corin Braga. Ha partecipato a conferenze nazionali e internazionali e pubblicato studi di specialità in riviste scientifiche e volumi collettivi.

Conferenza in lingua romena.

 

Venerdì 9 ottobre, 2015 ore 18.30
Accademia di Romania (Piazza José de San Martin, nr. 1),Sala Conferenze

 

 

 

L'AMBASCIATA DI ROMANIA
IN REPUBBLICA ITALIANA
E
ACCADEMIA DI ROMANIA
IN ROMA

presentano il libro

 


"UN UOMO BRUCIATO VIVO"


di Dario Fo e Florina Cazacu

Chiarelettere Editore, 2015

 


Vinerdì 9 ottobre, 2015
ore 18:30, Sala Conferenze


 

 

 

 

Il volume ripercorre la terribile vicenda di Ion, immigrato romeno, ingegnere, bruciato vivo nel 2000. Per l’omicidio fu condannato Cosimo Iannece, il suo ex datore di lavoro, ora libero dopo dieci anni di prigione

Gli autori: Dario Fo si Florina Cazacu

SE Dana Manuela Constantinescu
Ambasciatore della Romania in Italia

Daniela Crãsnaru
Direttrice dei programmi, Accademia di Romania

L’attore Marius Bizau leggerà frammenti del libro

Moderatore: Miruna Cajvaneanu (giornalista, Associazione Europaeus)

 

 
6-23 Ottobre
Martedì 6 Ottobre 2015 , ore 18.00
Accademia di Romania (Piazza José de San Martin, nr. 1),Sala esposizioni

LA MEMORIA DEL BRONZO – sculture, oggetti, pensieri
dell’artista romeno-tedesco di arti visive

Nikolaus-Otto KRUCH

Presentazione a cura di:
Prof. Dr. Mihai Barbulescu - direttore dell’Accademia di Romania in Roma
Giorgio Palumbi - critico d’arte

A seguito dell’inaugurazione il pubblico è invitato al recital di pianoforte sostenuto
del giovane artista romeno Diego RAITA

“La mostra all’Accademia di Romania (con la sua aria leggermente malinconica e retrospettiva) di un artista all’apice della sua forza creativa (la lotta con il metallo consuma in maniera drastica, motivo per cui l’artista deve per forza avere un contratto di supplenza con Titano!) – un artista che, ecco, ha raggiunto i suoi 60 anni, – non soltanto corona e rende omaggio ad un’opera eminente ed abbondante. Oserei dire che fa molto di più. Onora la Città Eterna con la memoria del bronzo personale, tornito nel suo bestiario a circuito iniziatico.” (Florin Toma – Via?a Româneasca)

NIKOLAUS - OTTO KRUCH nasce il 21 dicembre 1954 a Cluj-Napoca in Romania. Suo padre - scultore presso l’OPERA di Cluj - e sua madre - allieva della scuola di balletto - creeranno le premesse del suo interesse e della sua sensibilizzazione per le belle arti. Frequenta la scuola primaria e le medie in lingua tedesca e, dopo un esame di maturità superato brillantemente, si iscrive al concorso per accedere all’Accademia di Belle Arti “Ion Andreescu” di Cluj - Napoca. Conclude nel 1978 gli studi universitari presso il dipartimento di scultura della stessa Accademia. Ha come professori Maria Magdalena Nemes in arte decorativa, studia la scultura con Egon Marc Löwit e Mircea Spataru.
La zecca dello Stato Romeno emette la prima serie di medaglie con il ritratto dello storico Nicolae Iorga su diritto e il Palazzo Correr-Veredin sul rovescio su richiesta del Ministero degli Affari Esteri della Romania. Le medaglie sono concepite e modellate dall’artista. Modellerà anche le medaglie commemorative ed omaggiali per conto della Chiesa Ortodossa di Vienna, così come numerose medaglie con volti di personalità di spicco della storia romena. Realizza il busto del poeta Octavian Goga a Marghita (Bihor, Romania), rilievi commemorativi con i ritratti di Ady Endre e Aurel Lazar a Oradea, del dr. M.Pop a Marghita e di Gheorghe Bratianu a Cluj-Napoca.
Il 1996 è l’anno del rimpatrio – assieme a tutta la famiglia – in Germania. Si stabilisce nella città di Brandenburgo sulla Havel. Qui l’artista continua la sua attività didattica ed artistica.
È membro dell’Unione degli artisti visivi di Eislingen/Fils e della Schwäbisch Gmünd. Espone regolarmente in questo periodo e partecipa alle fiere d’arte di Innsbruck nel 2002 e al Schwäbisch Gmünd nel 2014. Nel 2010 espone presso il castello Gaildorf (Germania) più di 100 opere che rappresentano un’ampia retrospettiva della sua opera in bronzo.
Le sue opere sono presenti in collezioni private, in musei della Romania, dell’Ungheria, dell’Italia e della Germania.
Le sue opere di arte monumentale si trovano in Romania ad Alesd: si tratta del monumento dedicato alla Sommossa contadina del 1904.
Nel 2006 realizza - in occasione del campionato mondiale di calcio in Germania - l’istallazione in bronzo GLOBAL FEET per il Daimler Stadion di Stuttgart. Nel 2012 modella e inaugura la statua in bronzo di "Hiram" a Berlin, presso la sede della fondazione francmassone DREI WELTKUGELN.
La sua attività si svolge nell’ambito del design di ambienti, della scultura, della grafica su cavalletto e della grafica pubblicitaria. Consiglia e sostiene la collocazione nello spazio e in materiale definitivo di artisti attivi nello spazio europeo.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 6-23 ottobre 2015, nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110.
Ingresso libero.

 
Lunedì 5 Ottobre 2015, ore 18.00
Accademia di Romania (Piazza José de San Martin, nr. 1), Sala conferenze
 

Aquino (Lazio)
14-24 settembre 2015

 

L’Accademia di Romania e l’Università Babes-Bolyai di Cluj-Napoca hanno avviato un accordo di collaborazione con il Museo della Città e del Territorio di Aquino per scavi archeologici nel territorio dell’antica Aquinum. Dal 14 al 24 settembre, un’equipe di archeologi dell’Università di Cluj guidata dal prof. Sorin Nemeti, partecipa a questa prima campagna di scavi organizzata in collaborazione.
La Regione Lazio e il Comune di Aquino hanno deciso di intitolare il Museo cittadino all’archeologo siriano Khaled al-Asaad, ucciso il 18 agosto scorso a Palmira.

 

Giovedì 17 settembre 2015 ore 18.30
Accademia di Romania (Piazza José de San Martin, nr. 1),Sala esposizioni

MOSTRA PERSONALE

PITTURA - GRAFICA

 

IL COLORE IN MOVIMENTO

CULOAREA IN MISCARE

di GEORGE-PAUL MIHAIL

 

IL COLORE IN MOVIMENTO/CULOAREA IN MISCARE

La pittura di George Paul MIHAIL è la proiezione di uno stato d'animo. Trasporsi in uno stato di creazione è assai più importante della creazione stessa. Perché in realtà il pittore tenta una semantica del motivo. Egli non nota puramente e semplicemente un accordo delle forme e dei colori, ma aspira a scoprire il senso sito di là del segno plastico. Le opere che costituiscono la mostra intitolata IL COLORE IN MOVIMENTO sono il risultato di un potente e vigoroso atto del dipingere, frutto di un desiderio di comunicazione e di un bisogno irrefrenabile di esprimere quelle tensioni interne.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 17-25 settembre 2015, nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Orario: 10.00 – 13.00, 17,00 – 20,00.
Ingresso libero.

 

Mercoledì 9 settembre 2015 ore 18.00
Accademia di Romania (Piazza José de San Martin, nr. 1),Sala Conferenze

 

FESTA della LINGUA ROMENA

 

Recital di poesie

de GEO VASILE

 

 

 

 

 

Lettura di un saggio:

EMINESCU, AUTORE DELLA PRIMA RIVOLUZIONE

DEL LINGUAGGIO POETICO ROMENO

 

 

 

FESTA della LINGUA ROMENA

Accademia di Romania, celebra la ricorrenza della Festa della Lingua Romena, festa istituita dal Parlamento della Romania con la legge n. 53/2013. Il nostro ospite di Bucarest, lo scrittore GEO VASILE, offrirà al pubblico un recital di poesia originale in romeno e italiano. Le liriche che verranno lette, fanno parte di un volume bilingue appena uscito in Italia: Cortocircuito.Versuri.Versi. Scurtcircuit.
L'evento continuerà con un omaggio ad uno dei più vecchi testi della lingua romena, la ballata Miorizza, che verrà letto in romeno e in italiano e si concluderà con la lettura di un saggio dello stesso Eminescu, autore della prima rivoluzione del linguaggio poetico romeno.
Geo Vasile: italianista, traduttore, critico letterario, scrittore e poeta.

Geo Vasile è laureato del Collegio “Sf. Sava” e dell’Università di Bucarest, Facoltà di Lingue e Letterature Straniere (dipartimento italiano-romeno), con una laurea sulla poesia e la narrativa di Cesare Pavese. Dal 1994 è membro dell’Unione degli Scrittori di Romania.
E’ autore di 12 volumi di storia e critica letteraria: letteratura romena e universale (2001- 2013), di 5 libri di poesia originale, versione italiana dell’autore ( 2010 - 2015), di due romanzi. Ha tradotto in romeno cca 25 volumi di poesia e prosa italiana (2004 – 2013). Dettagli: la sua scheda su Wikipedia. Gli furono assegnati in Romania sei Premi di portata nazionale per traduzione e saggistica. Tra 2000 e 2015 ha curato parecchie edizioni bilingue di autori romeni, tra i quali ricordiamo: Mihai Eminescu, George Bacovia, Gellu Naum, Ion Vinea, Valeriu Armeanu, volumi usciti tanto in Romania che in Italia nonché 4 florilegi bilingue di poesia romena moderna e contemporanea, dei quali si fa notare Poesia romena. Sogno. Suono. Segno, Piombino, 2014, 615 p. Nel 2008 l’italianista Geo Vasile ha ricevuto la Medaglia della città di Venezia (il sindaco Massimo Cacciari) per la promozione dei rapporti culturali e di amicizia tra l’Italia e la Romania.
Quale incoronamento della sua insigne opera gli fu conferita nel 2013 presso l’Ambasciata Italiana di Bucarest l’onorificenza Stella d’Italia per decreto del presidente della Repubblica Italiana, medaglia e diploma firmato da Giorgio Napolitano.
Nel 2014 gli fu assegnato il Premio Internazionale Flaiano all’Italianistica per una corposa antologia critica della poesia italiana contemoranea: “Da Clemente Rebora a Donatella Bisutti”.
Ingresso libero.

 

Sabato 5 settembre 2015, ore 18.00
Accademia di Romania – Sala Concerti(Piazza José de San Martin, nr. 1)

 

Associazione Aliusmodum,

Teatro de l’Ascolto,

e l’Accademia di Romania

 

 


vi invitano al concerto finale della IV edizione della masterclass


…non solo bach…

svolta tra 1 – 5 settembre a Roma



 

 

…non solo bach…

Associazione Aliusmodum, Teatro de l’Ascolto e l’Accademia di Romania
vi invitano al concerto finale della IV edizione della masterclass
…non solo bach…
svolta tra 1 – 5 settembre a Roma.

Insieme ai corsisti, in una vera maratona musicale, suoneranno anche i docenti del corso:

CIPRIANA SMARANDESCU clavicembalo
ANDREA RIDERELLI pianoforte
MARCO DAMIANI violoncello

Musiche di L.Couperin, J.J. FRoberger, J.S. Bach, C. Silvestri, R. Paladi.

[ingresso libero]

 
2– 9 agosto 2015
Corsi estivi „Icon Arts - Roma”, Terza Edizione
Venerdì , 7 agosto, ore 20.00
Accademia di Romania, Sala Concerti

2 – 9 agosto 2015

Corsi estivi
„Icon Arts - Roma”

Terza Edizione


Venerdì, 7 agosto,
ore 20.00
Sala Concerti

Concerto
di
musica da camera


Con la partecipazione straordinaria degli artisti

Adrian MANTU
e
Annemarie CONDACSE

"L'Unione di Creazione Interpretativa dei Musicisti della Romania - UCIMR, Exces Music e l'Accademia di Romania continuano la serie dei corsi di musica da camera ”ICon Arts – Roma”, nel periodo 02 – 09 agosto 2015.

Nel completamento della sezione di musica da camera, sostenuta dal violoncellista Adrian Mantu (membro del quartetto ConTempo/RTE Irlanda), la III-a edizione contempla l'organizzazione, per la seconda volta, del masterclass di fotografia, coordinato dagli artisti
Mihai Benea
(Bucuresti) e Sebastian Marcovici (Sibiu).

I corsi si concludono con un
Concerto di gala
s
ostenuto dagli studenti la sera di
Venerdì, 7 agosto 2015, ore 20.00
, nella sala di concerti dell' Accademia di Romania,
( con ingresso dalla Piazza José de S.Martin no.1).
Si esibiranno i musicisti:
Iulian Ochescu, Dionne Tims, Quartetto Solartis
(Sabin Penea, Laura Zecheru, Ana Maria Marian, Andrei Nitescu),

con la partecipazione straordinaria dei maestri
Adrian Mantu
e
Annemarie Condacse
(soprano, prof. presso la Oklahoma State University).


Nell’occasione sarà allestita nella hall principale una mostra con le opere dei partecipanti al corso di fotografia.


Ingresso libero

Per ulteriori dettagli è possibile consultare il sito web: http://www.iconarts.ro/en/icon-arts-academy/icon-arts-rome-academy/

 

Vernissage: Giovedì 9 luglio 2015 ore 19.00
Accademia di Romania. Sala esposizioni

 

Mostra di pittura

 

 

“Ratto d'Europa”

di Ioan Sbarciu

 

9-19 luglio 2015

Accademia di Romania

 

 

 

Interviene: Aurel Codoban


“Ratto d'Europa” di Ioan Sbarciu

La storia del Ratto d'Europa comporta una simbolizzazione attenta, una descrizione della personalità intrinseca dell'Europa come avatar di un continente speciale. Nessun altro continente ha fatto della persona l’effigie di un'intera civiltà, istituendo l'obbligo di comportarsi in maniera accettabile e convenzionalizzata, quando invece si potrebbe agire in modo intempestivo, incontrollato, vulcanico. Si delinea quindi una differenza fondamentale tra lo spirito libero, esacerbato e quello intellettualmente configurato e impostato: si tratta forse della notevole differenza tra Est e Ovest, tra una società dell’intempestivo e una del convenzionale. È la storia di una raffigurazione mutata: non più la collocazione dell’individuo in uno spazio paradisiaco, afrodisiaco, bensì in uno spazio convenzionalizzato, pensato e perpetuato attraverso la ragione.
Ioan Sbarciu, è professore universitario, docente e direttore della Scuola di Pittura, Università di Arte e Design, Cluj-Napoca, nonché egli stesso artista.
Interviene: Aurel Codoban - dottore in filosofia e professore presso l'Università Babes-Bolyai.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 9-19 luglio 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.

PRENOTAZIONI PER LA VISITA
Andrei Ciurdarescu – tel: 380 135 5433

 

26 - 28 giugno 2015
Accademia di Romania

 

 

Telluris - AdR - FIRI

Il Festival di Teatro

 

teatROmania_emersioni sceniche

 

V edizione, 2015

 

26 - 28 giugno 2015

Accademia di Romania

 

www.teatromania.info

 

 

 


Programma del Festival

Venerdì 26 giugno
Ore 20.30: Inaugurazione del festival.
Ore 21.30,
Emiciclo: Dor de Eminescu (Nostalgia di Eminescu)
di Ion Caramitru su testi di Mihai Eminescu,
con Ion Caramitru e Aurelian-Octav Popa (al clarinetto). Produzione UNITER, Bucarest.
(In lingua romena).
Ore 22.45: “Emersioni critiche”,
incontro con gli artisti.

Sabato 27 giugno
Ore 20.00,
Sala esposizioni: Printre taceri (Tra i silenzi)
performance di e con Isabella Draghici. Produzione indipendente.
Ore 21.30,
Emiciclo: Burrnesha,
regia di Valbona Xibri, con Maria Stefanache, Centro Produzioni Teatrali, Milano.
(In lingua italiana).
Ore 22.45: “Emersioni critiche”,
incontro con gli artisti.

Domenica 28 giugno
Dalle 15 alle 18,
Sala concerti: workshop della regista Maria Stefanache
“Tecniche teatrali per la comunicazione e l’arte di parlare in pubblico”.
Rivolto a tutti gli interessati.
Ore 20.00,
Sala esposizioni: Ultimul lepros (L’ultimo lebbroso),
di Radu Botar, tratto da Vlad Zografi, con Vlad Chico, produzione Teatrul de Nord, Satu Mare.
(In romeno con sovratitoli in italiano).
Ore 21.30,
Emiciclo: Abator (Mattatoio)
di Marco Di Stefano, regia Madalina Turcanu, con Olimpia Malai e Liliana Tofan, produzione Dot Spot Media, Bucarest.
(In romeno con sovratitoli in italiano).

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

In caso di pioggia, gli spettacoli programmati all’aperto si svolgeranno nella Sala concerti.

Ufficio stampa: 369 Gradi - Benedetta Boggio 333.20.62.996, benedetta.bo@gmail.com
Programma e dettagli sul sito del Festival: www.teatromania.info
Info: 06.320.15.94. Facebook: TeatromaniaEmersioniSceniche
Info e prenotazioni workshop: 329-6437339.

 

12 - 20 giugno 2015
Accademia di Romania

 

SPAZI APERTI 2015

VOI SIETE QUI / CENTRO E PERIFERIA
YOU ARE HERE / CENTRE AND PERIPHERY
VOI SUNTETI AICI / CENTRALI SI PERIFERICI

XIII edizione, 2015
12 - 20 giugno 2015
Accademia di Romania

Spazi Aperti, giunto quest'anno con You are here alla tredicesima edizione, è un progetto che riunisce gli artisti diverse residenti nelle varie accademie straniere che hanno sede a Roma, in dialogo con artisti affermati che vivono e operano nell’urbea. L'evento si vuole incontro una piattaforma d’incontro tra i borsisti e la città, tra gli artisti e i suoi abitanti. Accademia di Romania torna così tutti gli anni a sottolineare, con l'apertura della sede istituzionale, la sua volontà di consolidare le buone relazioni di cooperazione e partenariato tra le istituzioni artistiche e culturali che operano a Roma. Le risorse e gli spazi espositivi dell'Accademia saranno anche quest’anno a disposizione degli artisti con il fine di riunire un gran numero di realtà ed evidenziare le diverse peculiarità.

L'evento è organizzato negli spazi dell'Accademia di Romania in Roma e ospiterà le opere di oltre 50 artisti - borsisti di altre Accademie culturali e Istituti di Roma, alcuni degli artisti partecipanti alle edizioni degli anni precedenti, giovani da importanti centri d'arte emergenti, così come una selezione di ospiti speciali. Quest'anno l'edizione è coordinata e curata da Andrei Ciurdarescu borsista "Vasile Parvan" dell'Accademia di Romania a Roma e Ovidiu Leuce, artista proveniente dalla Romania e residente a Roma.

Accademie e Istituti di cultura partecipanti:

Accademia di Danimarca, Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, Accademia Tedesca Villa Massimo, British School at Rome, Accademia d'Ungheria, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, insieme all'Accademia di Romania in Roma.

ARTISTI PARTECIPANTI:
Isa Balog-Verly, Zsofia Barabas, Radu Baies, Viorela Bogatu, Dragos Bojin, Alin Bozbiciu, Marius Burhan, Ciprian Buzila, Carlo Caloro, Andrei Ciurdarescu, Diana Cirdeiu, Otto Constantin, Felix Deac, Mircea Dragomirescu, Arpád Forgó, Cristian A. Godeanu, Michael Hirschbichler, Michele Iodice, Valentin M. Ionescu, Sergey Kalinin, Roman Kirschner, Siri Kollandsrud, Marie Kraft, Geraldo Lafratta, Britta Lenk, Ovidiu Leuce, Johannes Luchmun, Diana Machulina, Maix Mayer, Roxana Mihaly, Nancy Milner, Leila Mirzakhani, Zsuzsa Moizer, Valentin Morariu, Iulia Morcov, Ciprian Muresan, Anita Viola Nielsen, Catherine O’Donnell, Cristiana Pacchiarotti, Jane Maria Petersen, Leonardo Petrucci, Florina Pop, Marcel Rusu, Alexandra Serban,
Ionut Stefan, Diana Vasiliu.

PROGRAMMA DELL'EVENTO:

12 Giugno INAUGURAZIONE
Ora 19: COCKTAIL DÌ APERTURA
Ora 19.30:
CONCERTO JAZZ - RAF FERRARI QUARTET
(Raf Ferrari, Vito Stano, Andrea Colella, Claudio Sbrolli)
Ora 21: DJ. GESTALT - FABIO GALLETTI


15 Giugno
Ora 18: L'ESPRESSIONISMO BALCANICO E SPAZI APERTI 2015 - DA BUCAREST A ROMA
conferenza Mihai Alexandru Plesu, titolare della galleria di arte contemporanea PleshooContemporary (Bucarest)
in dialogo con Carlo Claoro direttore dello spazio di ricerca e sperimentazione artistica artQ 13 (Roma).

18 Giugno
Ora 18: L'IMPORTANZA DEL FATTORE LATINO NELLA MUSICA JAZZ -
DA CUBA A BRASILE FINO IN ROMANIA

conferenza Virgil Mihaiu Prof. univ. di Estetica del Jazz
preso l’Accademia di Musica di Cluj-Napoca


20 Giugno FINISSAGE
ORA 20: CONCERTO DÌ MUSICA CLASICA E
TRADIZIONALE
Ghenadie Rotari -
fisarmonica

Contatto Tel
Andrei Ciurdarescu +39 380 135 5433
Ovidiu Leuce +39 347 598 4696
spaziaperti2015@gmail.com

 
Lunedì 8 giugno 2015, Sapienza Università di Roma
Martedì 9 giugno 2015, Accademia di Romania. Sala Concerti

Equivalenze poetiche romeno-italiane.
La poesia romena in Italia

Tavola rotonda
Lunedì 8 giugno 2015, ore 15.00-17.00

Sapienza Università di Roma
Facoltà di Lettere,
Dipartimento di Studi Europei, Americani e Interculturali,
Aula Seminario, III piano
Piazzale Aldo Moro, 5

Partecipano:
Oana Bosca-Malin, Daniela Crasnaru,
Stefan Damian, Bruno Mazzoni, Adrian Popescu,
Angela Tarantino (moderatrice), Luisa Valmarin

*
Spettacolo poetico musicale
Martedì 9 giugno 2015, ore 19.00

Accademia di Romania, Sala Concerti
Piazza José de San Martin, 1

Lettura poetica nello spazio scenico a cura di
Thomas Otto Zinzi
e gli attori della compagnia Progetto Miniera

 
marzo - maggio 2015
Accademia di Romania. Sala Concerti

 
Lunedì, 18 maggio 2015, ore 17
British School in Rome

L’Accademia di Romania ha il piacere di segnalare la giornata di studio
“Rebooting the Postwar Academy”, che includerà, nell’ultima sessione, un intervento del
prof. Mihai Barbulescu e del dr. Iulian M. Damian dedicato alla situazione
dell’Accademia di Romania alla fine della seconda guerra mondiale.

 
Sabato, 23 maggio 2015, ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Concerti

Sabato 23 maggio, ore 18, Sala concerti.

Accademia di Romania e Ambasciata di Romania a Roma vi invitano al concerto inaugurale del gruppo "Arpeggio & Roua".
In programma:

"C'era una volta...", brani popolari che trattano l'amore giocoso e il ballo interpretati separatamente da Arpeggio e Roua
Coro di bambini "Cantus Mundi"
"Nel mondo dei bambini", prima parte
"Tornando al presente",
brani popolari che trattano l'amore malinconico interpretati dal gruppo "Arpeggio & Roua"
"Nel mondo dei bambini", seconda parte
"E vissero felici...",
intreccio di "doine" e canti da ballo.


Nascono nel marzo 2014 come due gruppi separati: due realtà parallele che condividono la passione per la musica popolare corale romena. Esattamente un anno dopo iniziano la loro carriera artistica come gruppo unico, "Arpeggio & Roua": insieme hanno promosso la musica romena accanto ai grandi artisti della Moldavia (“Martisor 2015”, Roma), alla grandissima comunità di romeni di Sezze (“Festa della donna”, Sezze (LT) ), al pubblico di “Piccole stelle cantano” (Latina) e in occasione del Natale di Roma 2015.

 

Vernisage: Venerdì, 22 maggio 2015, ore 19.00
Accademia di Romania. Sala Conferenze

 

 

MOSTRA D'ARTE E MODA

 

 

ZESTREA

 

 


di Liliana Turoiu

 

 

 

 


 

MOSTRA D'ARTE E MODA

ZESTREA

Zestrea” di Liliana Turoiu è una collezione che si rivolge alle donne interessate di cultura, tradizione e moda, ispirata dal costume tradizionale romeno. Il designer ha continuato a creare collezioni che valorizza lo specifico nazionale romeno e dei suoi simboli, dando una nuova visione ad alcuni articoli di abbigliamento.
All’occasione sara proiettato un montaggio di immagini e musica - una breve presentazione dell'attività artistica del designer di moda Liliana Turoiu. Inoltre, sara presentato l’album d’arte dei costumi “Zestrea”, contenente fotografie della collezione e immagini del Castello di Bran. Ogni foto è accompagnata da una breve descrizione.
Designer: prof. Liliana Turoiu, Universitatea Nationala de Arte Bucuresti - Facoltà di Arti Decorative e Design, Dipartimento di Moda. Presidente e membro fondatore della Fondazione “Altum Design Studio”. Dal 1999 membro dell’Unione degli Artisti Professionisti della Romania.
Accademia di Romania in Roma (Piazza José de San Martin, 1), Sala Conferenze, 22 maggio 2015, ore 19.00.
Ingresso libero.

 

17- 31 maggio, 2015
Inaugurazione: Domenica, 17 maggio 2015, ore 19.00
Accademia di Romania. Sala Esposizioni

MOSTRA D'ARTE

 

A Caelo Usque ad Centrum
Dal Cielo al Centro della Terra

(17 - 31 maggio 2015)


ANCA GAVRIS

A cura di: Burt Sun

 

Inaugurazione:

Domenica 17 maggio 2015, orele 19.00

Sala Esposizioni
Viale delle Belle Arti, 110


 

Le opere dell’ artista rumena Anca Gavris si contraddistinguono per una sensibilità unica, naturalmente intrisa di influenze musicali - liriche e talvolta narrativo-melodiche.

La nuova mostra di Anca Gavris si compone di tre momenti principali. Il primo è una mostra di 83 disegni su fotografie, che sono stati ispirati dalle formazioni di uccelli che volano nel cielo visualizzando differenti costellazioni celesti. "Questi disegni sono come fogli musicali. Ogni disegno è presentato sospeso su stringhe come note sul rigo musicale quasi a formare una opus visiva. L'istallazione si caratterizza sia per la composizione melodica sia per la libertà del caos", dice l'artista, che è un’affermata violinista e dal 2001 lavora tra i primi violini dell’ Orchestra Sinfonica di Stato di San Paolo (OSESP) in Brasile. La seconda parte della mostra presenta una serie di dipinti di porte di grandi dimensioni. "Voglio creare un percorso verso l'ignoto nel passato; in questa serie di nuovi dipinti, ho sottilmente creato ognuna di queste porte che segnano gli ingressi a diverse vie per le quali è possibile passare nel corso della vita stessa", dice Anca Gavris sui dipinti, nei quali fotografia, tecniche miste e collage sono inserite. La parte finale della mostra è costituita da alcune sezioni scultoree di oggetti in parte scolpiti, in parte naturali e anche personali dell’artista. Vetri dipinti fluttuano sospesi su bozzetti di sculture del padre di Anca Gavris, relazionandosi insieme come in un dialogo. "Essi simboleggiano il ritorno dell'artista ai propri ricordi - la sua infanzia, la sua formazione e il suo viaggiare per il mondo", dice il curatore della mostra, l'artista multimediale americano Burt Sun.

 
Sabato, 16 maggio 2015, ore 09,00
Accademia di Romania. Sala Conferenze

 

L’l'Associazione "Insieme per l'Athos" – Onlus
e
l'Accademia di Romania

hanno il piacere di invitarvi al

XIV Convegno Internazionale
di Studisulla cultura e spiritualità della Santa Montagna


dal titolo:

" La Preghiera del Cuore
e la Tradizione Athonita"

e alla
mostra di icone bizantine delle artiste

MARIA GALIE e ROSANNA CAPPELLO

evento programmato per
SABATO 16 MAGGIO 2015, ore 9,00
Sala Conferenze
presso
l’Accademia di Romania in Roma
(P.za José de San Martin, 1 – Roma)

 


 

15-25 maggio 2015
Inaugurazione: Venerdì 15 Maggio 2015, ore:15:30
Consolato Generale di Romania a Trieste, Via Udine, nr. 11, 34132 Trieste, Italia

MOSTRA FOTOGRAFICA

 

A CASA

(24 ore in 24 foto)

15 - 25 maggio 2015


Roxana Mihaly

 

 

Inaugurazione:

Venerdì 15 Maggio 2015, ore:15:30


 

La mostra fotografica “A CASA (24 ore in 24 foto)
– racconta una giornata ideale trascorsa A CASA, in Romania –


Il ricordo di un’alba, la casa dei nonni, i giochi di un tempo, le persone o i diversi luoghi – tutti questi ricordi sono cristallizzati in una serie di 24 immagini. Esse vogliono ricostruire il corso di una giornata, nel posto vicino alla nostra anima che ognuno di noi considera A CASA.
In tale scenario, ogni fotografia visualizzata individualmente diventa portatrice di un certo bagaglio referenziale, portando con se la propria storia. Con il desiderio che le immagini risuonino nei cuori dei visitatori, risvegliando ricordi profondamente radicati nella memoria e spesso dimenticati da molto tempo, la mostra si propone di presentare un modo per accedere a questo mondo ideale.
L’esempio edificante e il fatto che ogni immagine racconta una storia attraverso la quale mira a risvegliare i ricordi radicati nell’anima, essendo inseparabilmente legata alla memoria emozionale. Il bisogno di narrazione articolato a sua volta dal senso suscita un’emozione, dando vita in ognuno di noi a un viaggio verso un ricordo di casa. Indipendentemente dalla modalità soggettiva dell’approccio di tale incursione, i passi seguiti diventano testimoni del nostro proprio percorso. Ci aiutano, da un lato, ad affrontare l’iniziazione nell’innaturale quotidiano e, dall’altro, a renderci conto che questo è solo apparentemente monotono e noioso.
In ultima analisi, riattivate attraverso l’innesco della memoria involontaria, le immagini vengono quindi investite di valore di catalizzatore dei sentimenti e di depositario dei ricordi.
Roxana Mihaly è nata nel 1988 a Târgu Mures. Attualmente frequenta il dottorato di ricerca in Storia d’Europa presso l’Università Sapienza di Roma e ha beneficiato nel 2012-2013 di una borsa “Vasile Pârvan” presso l’Accademia di Romania in Roma.
Appassionata di fotografia, nel 2012 si è laureata presso la Scuola Popolare d’arte di Târgu Mures, dipartimento foto-video. Ha partecipato a numerose mostre collettive sia in Romania sia in Italia e nel 2014 ha vinto una menzione alla mostra internazionale Apollo International Photography, nella categoria Traditional Object.
Ingresso libero.

 
Marzo - Maggio 2015
Accademia di Romania, Sala Concerti

Martedì, 12 maggio, ore 19.30
Sala Concerti

Viviana LASARACINA - Pianoforte

 
Vernisage: Martedì 5 maggio 2015 ore 19.00
Accademia di Romania. Sala Esposizioni.

 

MOSTRA D'ARTE CONTEMPORANEA


 

DISCREPANZE

(5 - 12 maggio 2015)

 


 

 

Artisti:

Diana Vasiliu
Cristian Godeanu
Ionut Stefan

Discrepanze

Mostra d'Arte Contemporanea

Tre, giovani, artisti romeni: Diana Vasiliu, studentessa presso il dipartimento di Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Roma, Cristian Godeanu e Ionut Stefan, studenti del dipartimento di Scultura all'Università Nazionale delle Arti di Bucarest che esibiranno una serie di lavori consistenti in dipinti, sculture, installazioni, opere grafiche e ceramica.
La combinazione tra tradizione ed innovazione dà rilievo ad un dialogo plastico dedicato ad una realtà divergente, come elemento di base del livello sociale ma anche la trasformazione dei valori culturali nel corso del tempo e dello spazio. La formazione professionale assai varia dei tre giovani talenti lascia al tempo stesso tre diverse prospettive, essendo questo il primo punto da cui scaturisce la realtà divergente.

La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 5 all’12 maggio 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110, nell’intervallo orario 17.00-19.00.
Ingresso libero.

 
4- 8 maggio 2015
Accademia di Romania. Sala Concerti

Nel periodo 4-8 maggio 2015, Accademia Musicale Mediterranea e l'Accademia di Romania in Roma organizzano
International Music Competition for Youth “Dinu Lipatti”/
Concorso Internazionale di Musica per Giovani "Dinu Lipatti".

Ulteriori informazioni sul concorso sono disponibili sul sito internet: www.accademiamusicalemediterranea.it

Tutte le prove saranno pubbliche e si svolgeranno nella sala concerti dell'Accademia di Romania, Piazza José de San Martin, no. 1, secondo il programma illustrato.

Martedi 5 maggio
Ore 09.00 Chitarra
Ore 10.00 Duo Pianoforte
Premiazione
Ore 11.30 Orchestra d’Archi
Ore 11.30 Pianoforte Cat. Junior
Break
Ore 15.00 – 18.30 Prova Pianoforte

Mercoledi 6 maggio
Ore 09.30 Pianoforte Cat. F
Break
Ore 15.00 Pianoforte Cat.G.
Ore. 20.00 Premiazione Cat. F-G

Giovedì 7 Maggio
Ore 09.30 Pianoforte Cat. E
Ore 11.00 Pianoforte Cat. B
Premiazione Cat. E-B
Break
Ore 16.00 Pianoforte Cat. C-D
Premiazione Cat. C-D
Ore 18.30 Clarinetto
Premiazione

Venerdì 8 Maggio
Ore 09.00 Archi
Ore 09.00 Duo Violoncello Pianoforte
Premiazione
Ore 12.00 Pianoforte cat.A
Premiazione
Break

CONCERTO DEI VINCITORI
VENERDI 8 MAGGIO 2015
ORE 19.00

 
Lunedì, 4 maggio 2015, ore 20.30
Accademia di Romania. Sala Concerti

L’Accademia di Romania in Roma
in occasione della celebrazione della
Festa dell’Europa
Vi invita al concerto per pianoforte

COMPOSITORI ROMENI IN CONTESTO EUROPEO

sostenuto da

Silvia SBÂRCIU

Lunedì, 4 Maggio, 2015
ore 20.30


Sala Concerti
(Piazza José de San Martin, no 1)

 

 

In programma:

Louis Coperin
Eduard Terenyi
Domenico Scarlatti
Tudor Feraru
George Enescu
Claude Debussy
Serghei Prokofiev

 

Silvia Sbârciu
La beneficiaria di una formazione internazionale solido, pianista Silvia Sbârciu ha cominciato la sua preparazione musicale nella sua città natale di Cluj-Napoca (Prima Scuola di Musica "Sigismond Toduta" e poi presso l'Accademia di Musica "Gheorghe Dima"). Ha seguito la conosciuta istituzione di istruzione superiore musicale Staatliche Hochschule für Musik und Darstellende Kunst in Mannheim (Germania) dove ha approfondito gli studi nella classe di Prof. Paul Dan. Le stage professionali in compagnia di grandi maestri del mondo dell'arte di pianoforte e alcuni insegnanti importanti (Karl Heinz Kämmerling dal Mozarteum di Salisburgo in Schleswig - Holstein Musikfestival, Lev Naumov dal Conservatorio di Mosca, Leon Fleischer alla Juilliard School of Music di New York, Konstantin Scherbakov, Dmitri Alexeev, Felix Gottlieb e Sviatoslav Pochekin in International Klavierakademie Murrhardt - Germania) hanno contribuito alla formazione del profilo artistico del pianista. La sua evoluzione è stata fortemente influenzata dalla partecipazione a IKIF (International Keyboard Institute and Festival – New York, SUA), dove ha lavorato con i pianisti Sontraud Speidel, Akiko Ebi, Asaf Zohar e direttore Eduard Zilberkant.
Sia come solista che come partner di musica da camera, ha partecipato a importanti festival come il Festival "Autunno Musicale di Cluj", Festival "Mozart" o "Festival di Interpretazione Lied - Ionel Perlea" o 3iTTT (3. internationale Treossinger Tastentage) da Trossingen, Germania, dove ha sostenuto un corso di maestria.
Oltre alla elevata attività solistica svolta insieme con orchestre filarmoniche di Cluj - Napoca, Timisoara, Oradea, Sibiu, Targu Mures, Ploiesti, Brasov, ecc., sotto la direzione di Mihai Agafita, Ilarion Ionescu Galati, Paul Mann, Aurelio Canonici, Jozsef Horvath, Florentin Mihaescu, Janko Zsolt etc. e recitali solistici e concerti tenuti in Romania, Germania, Francia, Svezia, Stati Uniti, ecc, Silvia Sbârciu è conosciuta anche come un partner per musica da camera, appoggiandosi con un vivo interesse per il rapporto testo letterario / testo musicale nel duo pianoforte-voce.

 
4- 8 mai 2015
Accademia di Romania. Sala de Concerte


Nel periodo 4-8 maggio 2015, Accademia Musicale Mediterranea e l'Accademia di Romania in Roma organizzano International Music Competition for Youth “Dinu Lipatti”/Concorso Internazionale di Musica per Giovani "Dinu Lipatti".

Tutte le prove saranno pubbliche e si svolgeranno nella sala concerti dell'Accademia di Romania, Piazza José de San Martin, nr. 1,secondo il programma illustrato.

Ulteriori informazioni sul concorso sono disponibili sul sito internet: www.accademiamusicalemediterranea.it .

Nel periodo 4-8 maggio 2015 si svolgerà presso l'Accademia di Romania,
il Concorso Internazionale di Musica per Gioventù "Dinu Lipatti" 2015.

Per maggiori informazioni, scarica il regolamento di concorso.

 
Marzo - Maggio 2015
Accademia di Romania, Sala Concerti

 

Giovedì, 30 aprile, ore 19.30
Sala Concerti

Gianni BICCHIERINI - Pianoforte

 
16 - 17 aprile 2015
Università degli Studi di Trento, Facoltà di Lettere e Filosofia

 

Cioran e l'Occidente. Utopia, esilio, caduta


Responsabili scientifici: Fabrizio Meroi e Paolo Vanini
Comitato Scientifico: Aurélien Demars, Bruno Pinchard, Mihaela Stanisor

Partecipanti romeni:
Mihaela-Gentiana Stanisor (Universitatea din Sibiu «Lucian Blaga»)
"Cioran entre l'Orient et l'Occident. L'exil du moi et du mot"
Horia Patrascu (Universitatea din Iasi «Alexandru Ioan Cuza»)
"The light of lucidity: the therapeutical virtues of anti-utopia"
Amelia Natalia Bulboaca (Università di Milano)
"L'antropologia filosofica negli scritti giovanili di Cioran"
Ionut Chelariu (Pontificio Ateneo di Roma «Sant'Anselmo»)
"La domanda metafisica secondo E. Cioran
"

Venti anni dopo la morte di Emil Cioran (1911-1995), l’Università degli Studi di Trento, Facoltà di Lettere e Filosofia, 16 - 17 aprile 2015, organizza il convengo internazionale di studi "Cioran e l'Occidente. Utopia, esilio, caduta", dedicato al filosofo romeno, una delle figure più rappresentative della vita culturale europea del secolo scorso.
L’iniziativa si vuole una continuazione del convengo "Cioran in Italia" organizzato il 10 novembre 2011 presso l’Accademia di Romania a Roma, in occasione del centenario della nascita di Emil Cioran (1911-1995), i cui atti sono raccolti nel volume "Cioran in Italia" (Aracne Editrice, 2012). Figura tra le più rappresentative della scena culturale europea del secolo scorso. Cioran è senza dubbio uno dei più importanti teorici del Novecento, speculativo tra i più profondi, autorevole metafisico, insieme a Martin Heidegger e a Karl Jaspers, anche se, a differenza di Heidegger e Jaspers, Cioran non è mai stato un filosofo di professione, un accademico, un docente universitario, quanto piuttosto un pensatore privato, un libero scrittore. Il convegno "Cioran e l'Occidente. Utopia, esilio, caduta" ha una partecipazione internazionale, che riunisce studiosi da Francia, Italia e Romania.

 
Mercoledì 15 aprile, 2015
Feltre, Sala Ocri (via Negrelli, presso la Farmacia dell’Ospedale)

Cerimonia di consegna delle borse di studio dell’Associazione Internazionale Dino Buzzati.
Miglior studioso straniero: Cristina Vidrutiu

Il Comitato scientifico del Centro Studi Dino Buzzati decide di assegnare la borsa annuale dedicata agli studiosi stranieri (offerta dall’Associazione Linea d’ombra) a
Cristina Vidrutiu,

già borsista “Vasile Pârvan” presso l’Accademia di Romania in Roma nel biennio 2012-’14. Il riconoscimento arriva per il progetto di ricerca svolto in questo periodo all’Accademia, intitolato “Il discorso della malattia nella letteratura italiana (Giovanni Boccaccio, Alessandro Manzoni, Alberto Moravia, Dino Buzzati, Giovanni Papini): tra biografia fizionale e patografia. Un immaginario della scrittura malata”.
Cristina Vidrutiu
è laureata in Letteratura comparata presso l’Università “Babes-Bolyai” di Cluj-Napoca, dove ha conseguito un master in “Storia delle idee – Storia delle immagini” e il dottorato di ricerca sull’argomento “L’immaginario epidemico. Rappresentazioni storiche e metaforiche della peste nella letteratura”.

 

Tavola rotonda - Mercoledì, 15 aprile 2015, ore 17.00
Vernisage, ore 19,00

Accademia di Romania. Sala Conferenze. Sala esposizioni.

 

 

 

 

Una giornata dedicata ai giardini e al paesaggio all'Accademia di Romania


Luogo di armonie e contrasti, d'incontro e di conflitto tra natura e cultura, tra tecnica creativa e violenza anche distruttiva, i giardini sono luoghi in cui i più diversi elementi estetici naturali e artistici sono raggruppati e associati producendo il più delle volte realtà contrastanti.
Da queste considerazioni nasce un progetto articolato in due eventi:

  • La Tavola rotonda, dal titolo "Giardini. Riflessioni sull'armonia e sul paesaggio"che invita ad interrogarsi sui nuovi valori estetici e sociali dell'armonia tra uomo e natura nello spazio non più raccolto del giardino. Paesaggisti e architetti, artisti e scrittori si incontreranno per discutere del concetto di paesaggio da diverse angolazioni e con differenti prospettive disciplinari. Interverranno: Franco Zagari, architetto paesaggista e docente di Architettura del Paesaggio all'Università La Sapienza di Roma, Monica Sgandurra - architetto e paesaggista, Lucilla Zanazzi - esperta di giardini e organizzatrice di eventi del settore, l'artista Alfredo Pirri e Claudio Libero Pisano - curatore e direttore del CIAC di Genazzano
  • Dalle ore 19 avrà luogo l'inaugurazione della mostra d’arte contemporanea "Giardini dello splendore. Bellezza ferita" dell'artista rumeno Andrei Ciurdarescu, borsista dell’Accademia di Romania e dottore di ricerca dell’Universita di Arti Visive e Design di Cluj. La sua è una visione del giardino come luogo di tensione e spazio conflittuale, dove varie forze creative finiscono per intervenire brutalmente una contro l'altra.
    La mostra sarà visibile fino al 23 Aprile 2015.

Ingresso libero

 
Marzo - Maggio 2015
Accademia di Romania, Sala Concerti

Giovedì, 9 aprile, ore 19.30

Sala Concerti

Saria CONVERTINO - Fisarmonica

 
8 Aprile 2015
British School at Rome

 
Venerdì, 27 marzo 2015, ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Conferenze.

 

Recital di poesie patriottiche in lingua romena

 

 

I voivoda della nazione
Fondatori e martiri

 

Voievozii neamului
Ctitori si martiri

 

di Emil Boroghina


 

 


 

 

„Voievozii neamului – Ctitori si martiri” / „I voivoda della nazione – Fondatori e martiri”
di Emil Boroghina


l’Accademia di Romania in Roma avrà luogo il recital di poesie patriottiche in lingua romena: „Voievozii neamului – Ctitori si martiri” / „I voivoda della nazione – Fondatori e martiri” di Emil Boroghina, al fine di sottolineare l’anniversario dei 97 anni dall’unione della Bessarabia con la Romania (27 marzo 1918).
Intervengono: Prof. Mihai Barbulescu (Direttore dell’Accademia di Romania in Roma) e Tatiana Ciobanu (Associazione Dacia, Roma).
Il recital dell’attore Emil Boroghina (Teatro Nazionale “Marin Sorescu” di Craiova, Romania), comprenderà poesie patriottiche in lingua romena. L’evento esprime l’esigenza di valorizzare l’identità culturale romena tramite la partecipazione delle associazioni romene e moldave del Lazio.
L’attore Emil Boroghina ha già riscosso grande successo con lo stesso recital presso l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e presso il Teatro Nazionale “Marin Sorescu“ di Craiova.
Emil Boroghina è attore, regista, socio d’onore del Teatro Nazionale “Marin Sorescu” di Craiova, direttore e fondatore del Festival Internazionale “Shakespeare” in Romania, presidente della Fondazione “Shakespeare”, vicepresidente della Rete Europea dei Festival “Shakespeare”, membro del Senato dell’Unione Teatrale Romena. Dal 1963 al 1988 è stato attore e regista del Teatro Nazionale di Craiova, mentre tra il 1988 e il 2000 è stato Direttore Generale dello stesso teatro. Nel 2000 riceve l’“Ordine Nazionale con il Grado di Cavaliere”, uno dei più importanti riconoscimenti conferiti dallo Stato romeno. Sotto la sua direzione il Festival Internazionale “Shakespeare” ha ricevuto dall’Unione Teatrale Romena il “Premio d’eccellenza per la qualità eccezionale dell’edizione 2006”. Nel 1997 il British Council ha conferito a Emil Boroghina il ”Premio per il miglior direttore di teatro della Romania” e, nel 2011, il ”Premio alla carriera per il sostegno e la promozione dei rapporti culturali tra Romania e Regno Unito”.

Ingresso libero.

 
Marzo - Maggio 2015
Accademia di Romania, Sala Concerti

 

Giovedì, 26 Marzo, ore 19.30

 

MASSIMO SPADA - pianoforte
SALVATORE TERRACCIANO - flauto

Programma:


Antonín Dvorák
Sonatina op. 100

Antonín Dvorák
4 Danze slave op.46

George Enescu
Cantabile e Presto per flauto e pianoforte


Erwin Schulhoff
Sonata per flauto e pianoforte
Allegro moderato - Scherzo: Allegro giocoso - Aria: Andante - Finale: Allegro molto gajo


Ingresso libero.

 
Vernisage: Mercoledì 25 marzo 2015 ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Esposizioni.
Venerdì 27 marzo 2015 ore 12.00
Lettorato Romeno presso l’Università l’Orientale di Napoli (Via Duomo, 216, Napoli)

 

Mostra


 

Paesaggi della Fede

Dialogo fotografico romeno-italiano

dedicato alla Pasqua

(25 marzo - 2 aprile 2015)

 


 

 

Curatori:

Rodica Marinescu
Ioana Popescu

Paesaggi della Fede – dialogo fotografico romeno-italiano dedicato alla Pasqua

La mostra è organizzata dall’Accademia di Romania in Roma e dal Museo del Contadino Romeno (Bucarest). La mostra è accompagnata da numerose opere: foto dalla Romania e foto dall’Italia, icone di vetro con tema pasquale, tessuti, piccole croci, sigilli con la croce per il pane benedetto e molte uova dipinte, il tutto proveneniente dal Museo Nazionale del Contadino Romeno di Bucarest.
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 25 marzo al 2 aprile 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110. Ingresso libero.
Nell’ambito del Lettorato Romeno presso l’Università l’Orientale di Napoli (Via Duomo, 216, Napoli), venerdì 27 marzo 2015 ore 12.00 l’Accademia di Romania e il Museo del Contadino Romeno di Bucarest presentano un documentario dedicato alla realizzazione delle uova dipinte - antichi simboli della tradizione comune a tutti i cristiani. In occasione delle feste pasquali, nell’ambito del Lettorato Romeno (Napoli), Rodica Marinescu (Museo del Contadino Romeno, Bucarest) e Ioana Popescu (Museo del Contadino Romeno, Bucarest) terranno una conferenza riguardante le tradizioni di Pasqua in Romania.

Di tutti i simboli associati alla Pasqua, l’uovo - simbolo della fertilità e della nuova vita - è il più conosciuto. Le tradizioni legate alle uova dipinte sono state associate per secoli alle festività pasquali. Originariamente le uova di Pasqua erano dipinte con colori brillanti per rappresentare l’alba della primavera e della Resurrezione, erano tenute in cestini e offerte in dono. Successivamente furono dipinte con vari simboli.

ORARI DI VISITA
La mostra resterà aperta dal 25 marzo al 2 aprile 2015
Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110
La Mostra potrà essere visitata dalle ore 17.00 alle 19.00.
Domenica e Lunedì è chiuso.
Ingresso libero.

 
Sabato, 21 Marzo 2015, ore 20.00
Istituto Polacco di Roma, Via Vittoria Colonna 1

14 poeti e 14 lingue per un’Europa poetica:
il 21 marzo si celebra a Roma la giornata mondiale della poesia

Per la seconda volta EUNIC (European Union National Institutes for Culture – Istituti di Cultura Nazionali dell’Unione Europea), un partenariato di istituzioni culturali nazionali europee attive al di fuori del proprio territorio nazionale, celebra la poesia europea a Roma. Il 21 marzo di ogni anno l’UNESCO festeggia la Giornata Mondiale della Poesia, riconoscendo all’espressione poetica un ruolo privilegiato della promozione del dialogo interculturale, della comunicazione e della Pace. Per la Giornata Mondiale di quest’anno, la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO ha concesso il patrocinio all'evento ideato ed organizzato a Roma da EUNIC, in collaborazione con la Federazione Unitaria Italiana Scrittori, la Casa delle Letterature e la Commissione europea.
Quattordici poeti di quattordici diversipaesi europeisi sono dati appuntamento all’Istituto Polacco di Roma (Via Vittoria Colonna 1, Roma) alle ore 20.00 di sabato 21 marzo e invitano a partecipare alla serata tutti gli appassionati di poesia e coloro che desiderano celebrare con loro il lato più poetico dell’Europa. Tutte le poesie verranno lette dai poeti in lingua originale, mentre la traduzione italiana verrà proiettata in simultanea su uno schermo luminoso.
Sarà un’occasione unica e imperdibile per conoscere meglio la poesia contemporanea europea. Tra i partecipanti: Alexander Peer per l’Austria, Elin Rahnev per la Bulgaria, Sarah Zuhta Lukanic per la Croazia, Nora Bossong per la Germania, Silvia Bre per l’Italia, Krystyna Dabrowska per la Polonia, Ana Luísa Amaral per il Portogallo, Ruxandra Cesereanu per la Romania, Ivan Strpka per la Slovacchia, Aleš Šteger per la Slovenia, Erika Martinez per la Spagna, Eva Ström per la Svezia, Dragica Rajcic per la Svizzera e András Ferenc Kovács per l’Ungheria. L’incontro, moderato da Maria Ida Gaeta, sarà accompagnato dalle musiche di Michele Sganga eseguite al pianoforte dal compositore.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

 
Marzo - Maggio 2015
Accademia di Romania, Sala Concerti

Rassegna di Concerti

Ingresso libero

Giovedì, 12 marzo, ore 19.30
Sala Concerti

Livia De Romanis, violoncello
Stella Pontoriero, pianoforte

In programma:

Gabriel Faurè: Sicilienne op.7
Gabriel Faurè: Elegie op.24
Ciprian Porumbescu: Balada
Johannes Brahms: Sonata op.38

Ingresso libero

 

 
8- 19 marzo 2015
Accademia di Romania

 

DONNA IN-FORMA.SENSIBILITÀ, MUSICALITÀ E SEDUZIONE

 

 

Domenica 8 Marzo 2015 ore 17,30, Sala Esposizioni
inaugurazione con presentazione e
commento critico alle opere degli Artisti

Domenica 8 Marzo 2015 ore 18,30, Sala Concerti
a seguire concerto pianistico con accompagnamento di clarino a cura della
P.ssa Ada Bracchi e del M° Giuseppe Magliocca

 

ORARI DI VISITA:

La Mostra potrà essere visitata dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.00 previa presenza di un Artista,
ed altresì dalle 16.00 alle 20.00 previa presenza del Critico d’ Arte Giorgio Palumbi che si potrà contattare al numero 328-2857366,
ad eccezione dei giorni festivi (nei quali l’ esposizione resterà chiusa ma si potrà espressamente richiederne l’ apertura telefonando al numero 347-7515598) e dei prefestivi, in cui la si potrà visitare sempre previa presenza di un Artista

 

 
Sabato, 28 febbraio 2015, ore 19.30
Accademia Belgica, via Omero, 81

XXXXII Concerto Orpheade:

Andrei Marta
pianoforte

28 febbraio 2015, ore 19.30

Accademia Belgica

Concerto organizzato in collaborazione con il
Conservatoire Royal de Bruxelles


Programma:

Prima parte
L. van Beethoven, Sonata op. 53 in do maggiore “Waldstein”
F. Liszt, Dopo una lettura di Dante: Fantasia quasi Sonata

Seconda parte
J. S. Bach, Preludio e fuga in la minore (1° libro)
F. Chopin, Ballata no. 2 in fa maggiore op. 38
C. Debussy, Immagini (2° quaderno)
I. Stravinsky, Tre movimenti da Petrushka

RSVP: 06203986305

 
Giovedì, 19 febbraio 2015, ore 16.30
Accademia di Romania. Sala conferenze

L’Associazione Onlus “Insieme per l’Athos”
e
l’Accademia di Romania

GIORNATA di STUDIO
in ONORE di

OLIVIER CLEMENT

L’ALTRO SOLE.
OLIVIER CLEMENT
TESTIMONE E CANTORE DELLA BELLEZZA DEL RISORTO


Giovedì 19 Febbraio 2015, ore 16,30
Sala Conferenze

Accademia di Romania, Piazza José de San Martin, 1 - Roma (Valle Giuli
a)


Saluti introduttivi: Prof. Mihai BARBULESCU (Direttore dell’Accademia di Romania in Roma)
Dott. Giuseppe S. BALSAMA’ (Presidente dell’ Associazione Onlus “ Insieme per l’Athos”)

Prolusione inaugurale:

OLIVIER CLEMENT – UN ANNUNCIATORE DEL VANGELO NEI NOSTRI TEMPI
S.E.R. Mons. Siluan (SPAN), Vescovo della Diocesi Ortodossa Romena d’Italia.

Relazioni:

OLIVIER CLEMENT. UN UOMO.
Dott.ssa Flaminia MORANDI, docente universitaria, già assistente di Olivier Clément c/o il Pontificio Istituto Orientale, scrittrice, sceneggiatrice , autrice e responsabile di programmi radiofonici e televisivi RAI; è altresì autrice della biografia “Olivier Clément. Profeta dell’Unità”, edito dalla Paoline Editoriale Libri;

IL MESSAGGIO DI OLIVIER CLEMENT E OLIVIER CLEMENT COME MESSAGGIO.
P. Vladimir ZELINSKIJ
, sacerdote ortodosso russo, già docente di Lingua e civiltà russa c/o l’Università Cattolica del Sacro Cuore; attualmente è Rettore della Parrocchia Ortodossa SS. Madre di Dio Gioia degli Afflitti di Brescia (Esarcato Russo del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli);

IL RESPIRO DELL’ORIENTE NEL DIALOGO INTERCRISTIANO.
S.E. Dott. Bogdan TATARU-CAZABAN,
filosofo e storico delle religioni; Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede;
Dott.ssa Miruna TATARU-CAZABAN, docente di Filosofia e teologia politica c/o l’Università di Bucarest.

LA CHIESA “UNA” NELLA VISIONE DI OLIVIER CLEMENT.
Fr. Adalberto MAINARDI,
monaco della Comunità di Bose e membro del Comitato Scientifico dei Convegni Ecumenici internazionali di Spiritualità Ortodossa organizzati dal Monastero di Bose, di cui cura l’edizione degli Atti; è studioso delle tradizioni spirituali dell’Oriente cristiano.

Comunicazione conclusiva:
OLIVIER CLEMENT. UN PONTE TRA ORIENTE E OCCIDENTE

Dott. Antonio MANZELLA
, Coordinatore del Comitato Scientifico Internazionale dell’Associazione Onlus “Insieme per l’Athos”.

Modererà l’incontro il Padre Prof. Germano MARANI, SJ,
docente di Teologia Orientale c/o il Pontificio Istituto Orientale, nonché docente c/o la Facoltà di Missiologia della Pontificia Università Gregoriana.

Seguirà un rinfresco


“Una figura che ha segnato l’ortodossia della seconda metà del XX secolo, un autentico diacono della
Parola e un cantore della bellezza al quale siamo tutti debitori riconoscenti”

S.S. Bartolomeo I, Patriarca Ecumenico di Costantinopoli


Olivier Clément è nato il 17 novembre 1921 ad Aniane, nel sud della Francia ed è morto il 15 gennaio 2009 - festa di San Serafino di Sarov - a Parigi, all’età di 87 anni.
Proveniente da una famiglia repubblicana e agnostica, Clément, durante l’occupazione nazista della Francia, partecipa alla Resistenza. Dopo una lunga esperienza di ateismo e un tormentato periodo di ricerca tra le varie spiritualità orientali - grazie all’incontro con la comunità degli emigrati russi e all'influenza, soprattutto, degli scritti di Nikolaj Berdjaev e di Vladimir Losskij - si converte al cristianesimo ortodosso e, all’età di trenta anni, il 1° novembre 1951, riceve il battesimo nella Chiesa Ortodossa, in seno alla parrocchia francofona di Parigi, allora appartenente al Patriarcato di Mosca.
Già laureato in Storia ad appena 20 anni con una tesi su Pietro il Venerabile, Abate di Cluny, nel 1943 riceve l’agrégation, il più alto grado dell’Università francese. Uomo di grande cultura, professore di mestiere, storico, teologo, mistico e poeta, Clément ha lavorato per tutta la vita insegnando in contesti molto diversi: al laicissimo liceo Louis-le-Grand e all’Institut de Théologie Orthodoxe “Saint-Serge”, la celebre scuola teologica ortodossa di Parigi, da dove il pensiero russo si è irradiato in Occidente dopo la Rivoluzione d’Ottobre, all’ISEO di Ginevra, all’Institut Catholique di Parigi, al Pontificio Istituto Orientale di Roma ed è stato altresì Segretario di redazione, dal 1959 al 1993, della rivista ortodossa francese “Contacts”.
Autore di una quarantina di libri, scritti con brio e stile raffinato, ha raccontato la sua infanzia, le sue peregrinazioni spirituali e la sua conversione in un'autobiografia, L'altro sole, pubblicata in Italia dalla casa editrice Jaca Book.
Unanimemente considerato come uno dei massimi testimoni dell’Ortodossia nel XX secolo, è stato – come teologo - uno dei pochi che ha spalancato le finestre dell’Ortodossia alla cultura francese e, in un contesto più ampio, alla cultura occidentale. Fra i teologi ortodossi contemporanei, è quello che senza dubbio ha saputo mostrarsi più attento agli interrogativi della modernità, ai quali ha cercato di rispondere attraverso una riflessione potente e poetica, ma allo stesso tempo radicata nella Tradizione della Chiesa.
Come persona era sempre umile e affascinante, pieno di calore e di simpatia. Grande conferenziere, ottimo oratore, improvvisatore e predicatore brillante, sapeva lasciar parlare gli altri. Amava ascoltare soprattutto gli uomini e le loro idee ma era capace di ascoltare e sentire tutto ciò che nasce e si apre all’esistenza, che respira e loda il Signore. Pensatore libero e coraggioso, ha saputo comunicare il “gusto di Dio” e il canto della sua divina misericordia.
Al tramonto della sua vita, malato, bloccato nel suo letto per più di due anni, è rimasto lucidissimo di spirito, di buon umore, sempre pieno di speranza, di fiducia, di amore per Cristo.
La morte per Olivier Clément è stata un passaggio all’Eternità, ma anche e soprattutto un “incontro” col Risorto.
Il suo ruolo è stato spesso capitale nel percorso di vita di numerosi giovani e meno giovani, ortodossi e non, che hanno ritrovato un senso alla loro vita grazie agli scritti di Olivier Clément.

Hanno concesso il loro patrocinio :
Institut de Théologie Orthodoxe Saint-Serge - Paris Pontificio Istituto Orientale - Roma, Pontificio Ateneo S. Anselmo - Roma, Pontificia Università “Antonianum” - Roma, Pontificia Università S. Tommaso d’Aquino - Roma,
Ambasciate presso la Santa Sede: Bulgaria, Francia, Georgia, Grecia, Romania, Russia, Serbia
Istituti di cultura: Accademia di Romania in Roma
Riviste: Buisson Ardent – Cahiers Saint-Silouane l’Athonite, Contacts (Revue française de l’Orthodoxie)


 
Vernisage: Mercoledì 18 febbraio 2015 ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Exposizioni.

 

Mostra di pittura


 

ARCHITETTURE E VOLTI SACRI

ARHITECTURI SI CHIPURI SACRE

(18 Febbraio - 6 Marzo)

 


 

 

ARCHITETTURE E VOLTI SACRI / ARHITECTURI SI CHIPURI SACRE

Saranno presenti:

Miruna Budisteanu
Artista
S.E. Sig. Bogdan TATARU-CAZABAN
Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede
Prof. Mihai BARBULESCU
Direttore dell’Accademia di Romania in Roma
Daniela CRASNARU
Direttrice dei programmi, Accademia di Romania

La mostra ARCHITETTURE E VOLTI SACRI è il risultato di atteggiamento plasmato e provato nel tempo e nello spazio, un percorso vivido che non finisce qui e ora. In questa mostra l'artista ha deciso di non descrivere né di ribadire gli elementi caratteristici dello stile Brancoveanu. Miruna Budisteanu ha proposto invece di evocare il respiro di questa creazione, per ricostruire lo spirito del rinascimento in chiave innovativa per riportarlo in superficie.
Le opere sono eseguite prevalentemente su velo o multimedia vellum pellicola, la cui materialità e dimensione facilita l'interazione con l'ambiente e la struttura architettonica.

Orario e prenotazioni
La mostra resterà aperta dal 18 febbraio al 6 marzo 2015
Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110

Da lunedì a sabato: 10,00-19,00
Domenica: 15,00-19.00

Ingresso libero
PRENOTAZIONI PER LA VISITA
Miruna Budisteanu – tel: 366 410 44 35

 
Vernisage: Giovedì, 5 febbraio 2015, ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Exposizioni.

 

Mostra di scultura e pittura


 

SPECCHI

PARALLELI

(5-11 Febbraio)

 


 

 

“SPECCHI PARALLELI”/ “OGLINZI PARALELE”


CARMEN CHIRICA PISLARIU (1969, Iasi), scultore, si è laureata presso l’ Accademia di Belle Arti “George Enescu” di Iasi, Dipartimento di Scultura. Espone dal 2004 in Romania e in Italia, specializzandosi nell’arte del restauro in Romania e in Italia. Vive e lavora a Roma.
ALEXANDRA MATEI (1996, Vrancea), giovane pittrice, frequenta il Liceo "Emil Botta" di Adjud (Vrancea, Romania).
La mostra potrà essere visitata tutti i giorni dal 6 all’11 febbraio 2015 nella Sala Esposizioni dell’Accademia di Romania, Viale delle Belle Arti, 110, nell’intervallo orario 17.00-19.00.
Ingresso libero.

 
Giovedì, 29 gennaio 2015, ore 16.30
Accademia di Romania. Biblioteca

Ambasciata di Romania
presso la Santa Sede

e
Accademia di Romania

in collaborazione con il
Dipartimento di Scienze Religiose
Università Cattolica del Sacro Cuoredi Milano

Convegno

IOAN PETRU CULIANU 65 anni dalla nascita


Presentazione del volume Annali di Scienze Religiosen. 6/ 2013

29 GENNAIO 2015, ORE 16.30
Biblioteca dell'Accademia

Piazza José de San Martin, 1

 

 

PROGRAMMA

Indirizzo di saluto
Prof. Mihai Barbulescu, Direttore, Accademia di Romania

Introduzione
Dr. Bogdan Tataru-Cazaban, Ambasciatore di Romania presso la Santa Sede

Interventi

Prof. Giulia Sfameni Gasparro
Università degli Studi di Messina
Presidente della Società italiana di storia delle religioni

Un ricordo di Ioan Petru Culianu tra Milano e Messina

Prof. Grazia Marchianò
Presidente dell’Asociazione Internazionale di Ricerca “Elémire Zola”
Realtà storica e iperrealtà nella mente mercuriale di I.P.Culianu

Prof. Maria Vittoria Cerutti
Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
Il dualismo religioso, dopo U.Bianchi e I.P.Culianu

Prof. Natale Spineto
Università degli Studi di Torino
Culianu e i suoi “maestri” in Italia e in Francia. Note a margine
del volume di studi su Ioan Petru Culianu e Ugo Bianchi

Prof. Robero Scagno
Università degli Studi di Padova
Alcune note su Ioan Petru Culianu e il “modello” Mircea Eliade

Prof. Giovanni Casadio
Università degli Studi di Salerno
Ioan Petru Culianu tra Romania e Italia

Dr. Daniela Dumbrava
Università Cattolica di Milano
Il Dossier di Ioan Petru Culianu nell'archivio del CNSAS (documenti inediti)


Ioan Petru Culianu (Iasi, 5 gennaio 1950 – Chicago, 21 maggio 1991) è stato uno storico delle religioni e scrittore romeno, professore all’Università di Chicago, autore di numerosi libri tra cui,in italiano,ricordiamo:Mircea Eliade Assisi, Cittadella Editrice, 1978;Religione e potere, con Gianpaolo Romanato e Mario G. LombardoTorino, Marietti, 1981; Iter in silvis. Saggi scelti sulla gnosi e altri studi Messina, Dott. Antonino Sfameni, 1981; Gnosticismo e pensiero moderno: Hans Jonas Roma, L'Erma di Bretschneider, 1985; Esperienze dell'estasi dall'ellenismo al Medioevo Bari, Laterza, 1986; Eros e magia nel Rinascimento: la congiunzione astrologica del 1484 Milano, Mondadori, 1987; I miti dei dualismi occidentali: dai sistemi gnostici al mondo moderno Milano, Jaca Book, 1989; La collezione di smeraldi: racconti Milano, Jaca Book, 1989; I viaggi dell'anima: Sogni, visioni, estasi Milano, Mondadori, 1991;Il rotolo diafanoRoma, Elliot,2010.


 
Giovedì - Venerdì, 22 - 23 gennaio 2015
Accademia di Romania, Biblioteca

Il Convegno della Commissione Internazionale per la Tabula dell'Impero Romano

Partecipanti: Prof. Masanori Aoyagi (Giappone),Prof. J.-C. Balty (Francia),Prof. Mihai Barbulescu (Romania), Prof. Borhy László (Università di Budapest), Dr. Sergi Fernandez (Spagna), Prof. Josep Guitart i Duran (Spagna), Prof. Piotr Kaczanowski (Università di Cracovia), Prof. Luisa Migliorati (Università La Sapienza, Roma), Dr. Marta Prevost (Istituto Catalano di Archeologia), Dr. Judyta Rodzinska-Nowak (Università di Cracovia), Prof. Paolo Sommella (Santa Sede).

L'idea di redigere la mappa dell'impero romano appartiene a OGS Crawford (1928). Dal 1957 la Commissione internazionale per la Tabula Imperii ha ottenuto il patrocinio dell'Unione Accademica Internazionale. Da quel momento sono stati pubblicati decine di fascicoli della mappa generale dell'Impero Romano.
Cil Convegno di Roma discute i problemi di informatizzazione della Tabula Imperii e problemi specifici dell’edizione della mappa della Dacia.

 
Giovedì, 15 gennaio 2015, ore 18.00
Accademia di Romania. Sala Conferenze

 

Giornata della Cultura Romena


 

Evento Anniversario Mihai Eminescu


Conferenza

e

Proiezione del film:

Un bulgare de huma (1989)

(Un pugno di argilla)


Regia: Nicolae Margineanu


 

 

Giornata della Cultura Romena

In occasione dell’anniversario della nascita del poeta nazionale romeno Mihai Eminescu (1850), l'Accademia di Romania in Roma prezenta una conferenza sulla vita e le sue opere, tenuta dalla prof. Nicoleta Nesu (Sapienza – Università di Roma / Università Babes-Bolyai Cluj-Napoca).
Proiezione del lungometraggio Un bulgare de lut (Un pugno di argilla) (1989) – un film sul poeta Mihai Eminescu e scriitore Ion Creanga. Regista: Nicolae Margineanu. Attori: Dorel Visan, Adrian Pintea, Mioara Ifrim, Maria Ploae. (Film in lingua romena.

Ingresso libero.

 

Martedì, 13 gennaio, 2015, ore 18.30
Accademia di Romania. Biblioteca

Presentazione del libro di

VIRGIL TANASE

 


ALBERT CAMUS Una vita per la verità

 

Castelvecchi Editore, 2014

 

Martedì, 13 gennaio,
ore 18.30

Biblioteca

Piazza José de San Martin, no.1, 000197

Saranno presenti:

Virgil TANASE, autore

Alessandro BRESOLIN,
traduttore

Castelvecchi Editore

Daniela CRASNARU
Direttrice dei programmi , Accademia di Romania

L’avere a che fare con un pensatore come Camus, lo scrittore e il filosofo, uno degli autori più importanti del Novecento, richiede il confrontarsi con la ricerca della verità, come suggerisce del resto il sottotitolo del libro di Virgil Tanase, aggiunto all’edizione italiana e assente in quella originale: Una vita per la verità.

Virgil Tanase
Nato a Galati, in Romania, è scrittore e uomo di teatro. Ha studiato Lettere all’Università di Bucarest e Regia all’Accademia d’Arte Nazionale. Autore di una tesi di semiologia del teatro, relatore Roland Barthes, si trasferisce in Francia nel 1977 e inizia a scrivere in francese. Vincitore del Premio per la Letteratura dell’Unione Latina e del Premio di Drammaturgia dell’Accademia di Romania, ha scritto quindici romanzi. Professore in diverse scuole di teatro, insegna Storia dello spettacolo presso l’Institut International de l’Image et du Son. Ha realizzato oltre trenta spettacoli in Francia e in Romania, adattando per il teatro testi molto diversi, da Balzac a Dostoevskij, da Proust a Cechov.

 
www.festivalenescu.ro/en/2014-competition/14th-edition